skip to Main Content

Metalingua, microlingua, lingua dello studio

Cari lettori,

ben ritrovati sul Blog di DEAL! Nell’articolo di oggi vogliamo iniziare ad approfondire una tematica che verrà trattata in uno dei nuovi laboratori offerti nell’edizione 2018 del MasterClass DEAL, ovvero quello sull’Italiano lingua dello studio. Questo laboratorio si configura come una novità dell’VIII edizione e, per coloro i quali fossero interessati, vogliamo quindi dare un piccolo insight sul tema.

Oggi presentiamo un interessante articolo a cura di Paolo Balboni, docente ordinario di Glottodidattica presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, dal titolo “Metalingua, microlingua, lingua dello studio” pubblicato nella sezione Istruzione de La Ricerca, edito da Loescher e facente parte del numero de “I Quaderni della Ricerca” di Loescher dedicato al CLIL (Settembre 2014). Il contributo discute quindi l’importanza della comprensione dell’input linguistico che nella vita scolastica ed extra-scolastica dell’alunno risulta sempre molto variegato. La comprensione dell’input linguistico si configura come il principale obiettivo del progetto MILEL a cura del CRDL (Centro di Ricerca sulla Didattica delle Lingue), che verrà presentato all’interno del numero de “I Quaderni della Ricerca”, mentre il contributo di Balboni apre il volume come capitolo introduttivo.

Nella trattazione l’autore distingue i vari tipi di input che vengono forniti dai docenti di italiano, di lingue straniere e di altre discipline, per poi analizzare come la comprensione dello stesso sia un passo cruciale per raggiungere l’acquisizione. Il contributo si chiude con una presentazione dettagliata del progetto MILEL, che verrà poi approfondita dagli altri autori nel proseguo del volume.

Qui vogliamo distinguere il capitolo vero e proprio di Balboni da un altro piccolo contributo dello stesso autore che ha preceduto l’uscita del volume e che si propone di introdurre l’argomento. Qui Balboni sottolinea l’importanza della cura dell’input linguistico da parte dei docenti e di come la lingua dello studio non possa essere messa in secondo piano, in quanto strumento fondamentale per raggiungere l’acquisizione ma soprattutto per sviluppare strategie euristiche e comprensione generale, anche quando applicato a lingue differenti e, in maggior misura, alla metodologia CLIL.
Per leggere questa introduzione basta cliccare qui.

Per leggere il capitolo introduttivo de “I Quaderni della Ricerca” basta cliccare qui e troverete l’ebook in PDF da sfogliare, potrete dunque consultare l’intero volume.

Buona lettura!

.

×Close search
Cerca